I principi naturali dalla A alla Z

A

Acerola

L’acerola è il frutto di un piccolo cespuglio originario dell’America del Sud, della Florida e delle Antille. Ha l’aspetto di una piccola ciliegia. La sua polpa è colore rosso mattone alla maturità, e ha un gusto molto piacevole.
L’acerola è molto ricca di vitamina C. Contiene anche: flavonoidi, molti oligoelementi come il ferro, il calcio, il fosforo, e le vitamine A e B. È tradizionalmente usata come ricostituente e per dare sostegno all’organismo, soprattutto nel periodo invernale. La vitamina C contenuta nell’acerola contribuisce alle normali funzioni del sistema immunitario.
Alcuni studi hanno messo in evidenza il ruolo antiossidante dell’acerola.

Aglio

Originario dell’Asia centrale, l’aglio fu introdotto in Occidente dai Romani. Questa pianta fiorisce in estate con fiori rosa o bianchi.
L’aglio favorisce il corretto metabolismo di trigliceridi e colesterolo, e quindi la funzionalità dell’apparato cardiovascolare. Esercita un azione benefica sulla pressione arteriosa. È anche conosciuto per la sua capacità di favorire le difese immunitarie dell’organismo. 

Anice verde

Pianta di origine orientale, oggi l’anice è molto coltivato anche in Europa. Il suo frutto di colore grigio-verde sviluppa un sapore simile a quello dell’anice, del finocchio o dei cardi.
L’anice è conosciuto per la sua capacità di favorire la digestione, combattere gas e gonfiori addominali. 

Arancia amara

Piccolo albero originario dell’India, attualmente coltivato in tutto il bacino del mediterraneo, l’arancio amaro produce un frutto, l’arancia amara, simile all’arancia che conosciamo, ma più piccola e più amara.
L’arancia amara favorisce il rilassamento e il benessere fisico.
L’arancia amara è anche usata per il controllo del peso e per il metabolismo dei lipidi.

Argan

La pianta di Argania Spinosa è una specie endemica del Sud-Ovest del Marocco. È un albero legnoso e spinoso che può raggiungere fino a 8-10 metri di altezza e può vivere da 150 a 200 anni. L’olio di Argan è estratto dal suo frutto, una bacca verde.

I benefici per la pelle dell’olio di Argan risiedono in due elementi molto importanti: la sua ricchezza in vitamine E che possiede proprietà antiossidanti, e la presenza di componenti insaponificabili equivalenti a quelli dell’olio di avocado, che hanno un ruolo ristrutturante.

Per uso topico, l’olio di Argan è naturalmente ricco di acidi grassi essenziali, che contribuiscono a mantenere la funzione protettiva della pelle e a mantenerla idratata.
L’olio di Argan viene utilizzato per aiutare ad ammorbidire e proteggere la pelle e nutrire i capelli, senza ungere. Assunto per via orale, quest’olio è consigliato nella dieta delle persone che fanno attenzione alla salute e al metabolismo del colesterolo.

Artiglio del diavolo

Pianta a frutti legnosi, l’artiglio del diavolo cresce nei terreni secchi del Sud-Ovest. Si trova principalmente vicino ai deserti della Namibia e del Botswana, dove cresce allo stato selvaggio. Le radici dell’artiglio del diavolo, ricche di glucidi, soprattutto di arpagosidi, possiedono delle proprietà calmanti notevoli che aiutano a recuperare velocemente flessibilità e mobilità delle articolazioni.

B

Bardana

La bardana è una grande pianta erbacea molto comune, i frutti si attaccano ai vestiti (piccole palline irsute).
La bardana è utilizzata per il benessere della pelle e per stimolare le funzioni di eliminazione degli scarti dall’organismo, inoltre facilita la digestione.

Betulla

Albero comune in tutto il Nord Europa, la betulla cresce su terreni soleggiati, dove fiorisce da aprile a maggio, producendo amenti di colore arancio. Le sue foglie sono glabre e triangolari e la sua corteccia ha la particolarità di diventare bianca con l’età e il tempo.
Ricca in saponine e glucosidi flavonici, la betulla è depurativa e drenante. In questo modo, contribuisce attivamente all’eliminazione dei cloruri, dell’urea e dell’acido urico. Favorisce l’eliminazione urinaria (dai reni).
La betulla ha dimostrato la sua efficienza in caso di ritenzione idrica.

Biancospino

Piccolo cespuglio spinoso dei boschi e delle siepi, il biancospino fiorisce da maggio a giugno con piccoli fiori molto profumati che assomigliano, tanto da trarre in inganno, a quelli del prugno.
Dotato di proprietà digestive e calmanti riconosciute, il fiore di biancospino è utilizzato per controllare i nervosismi, combattere l’irritabilità, gli eccessi emotivi e le palpitazioni. Rappresentano una soluzione naturale molto apprezzata ed efficace per favorire il sonno in caso di stress.
Il biancospino è utilizzato anche per la corretta funzionalità dell’apparato cardiovascolare.

Borragine

Originaria dalla Siria, la borragine è coltivata da tanto tempo in Europa e in Nord America. Piccola pianta erbacea con peli duri e fiori blu, cresce anche allo stato spontaneo nei campi e sui bordi delle strade.
Particolarmente ricca di acidi grassi essenziali e di acido gamma linoleico, l’olio di borragine è conosciuto per la sua azione nutritiva degli strati superficiali dell’epidermide. È indicata nella menopausa.
I fiori di borragine erano tradizionalmente usati sotto forma di infuso drenante.

C

Cacao

Il cacao, di cui il vero nome viene dal nahuatl “cacahuatl” era tradizionalmente usato dai popoli mesoamericani, particolarmente dai Maya e poi dagli Aztechi. Il cacao è la polvere ottenuta dopo torrefazione e macinazione delle fave di cacao fermentate prodotte dall’albero di cacao.

Caffè verde

La pianta da caffè è un arbusto con foglie coriacee e lucide. Sono due le specie sono principalmente vendute sul mercato del caffe (C.arabica e C.canephora), ma esistono numerose specie di piante da caffè in natura.
Il chicco di caffè contiene circa 5% di acidi fenolici: acido chinico, acido caffeico, acido clorogenico. Il contenuto di caffeina è variabile: da 0,6% a 2 % e oltre a 3 % per certi caffè.
La caffeina contenuta nel caffè è anche uno stimolante fisico che aiuta a lottare contro la stanchezza.

Camomilla matricaria

Originaria del Nord Europa, la camomilla matricaria è anche conosciuta sotto il nome di camomilla tedesca. Cresce allo stato selvaggio in Europa centrale e in Europa dell’Est, ma oggi è molto coltivata in tutte le zone temperate del mondo.
La camomilla è sicuramente la pianta più popolare, usata per le sue proprietà digestive e calmanti.

Carbone vegetale

Il carbone vegetale proviene quasi sempre dai gusci di cocco, ma può anche provenire dalla calcificazione di altri alberi come il salice, il pioppo, il tiglio.
Il carbone vegetale è molto poroso, perciò possiede una grande capacità di assorbimento. È un aiuto prezioso per le digestioni difficili perché aiuta a eliminare i gas intestinali responsabili della sensazione di pesantezza, flatulenze e eruttazioni dopo i pasti. Il carbone vegetale aiuta anche a ritrovare un ventre piatto.
È importante attendere due ore prima di assumere un farmaco. 

Carnitina

La carnitina, già presente nei tessuti del nostro organismo, è soprattutto presente nei nostri muscoli e nel nostro cuore. Il nostro organismo sintetizza la carnitina (principalmente tramite il fegato e i reni) a partire dalla lisina e la metionina, due amminoacidi presenti negli alimenti.

Carota

Originaria del Medio Oriente e dell’Asia centrale, la carota è una pianta biennale. Fiorisce solo il secondo anno, dopo il passaggio dell’inverno.
Il colore scuro di questa verdura dissimula tanti pigmenti e antiossidanti di cui i carotenoidi. I carotenoidi sono dei componenti con proprietà antiossidanti, capaci di neutralizzare i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cellulare. Il beta-carotene, chiamata anche Vitamina A, appartiene alla famiglia dei carotenoidi. Questo composto aiuta a proteggere e mantenere la salute della pelle, soprattutto quando viene aggredita da raggi solari. Perciò la carota è particolarmente indicata per chi ha la pelle sensibile e chiara.
La carota (cruda o cotta) e il succo di carota sono delle fonti eccellenti di pro vitamina A, che viene trasformata in vitamina A dall’organismo. La vitamina A è una delle vitamine più versatili che ha un ruolo in tante funzioni dell’organismo. Favorisce la normale funzione visiva e il mantenimento di una pelle sana.

Castagno d’India

Originario d’Asia, il castagno d’India è molto comune in Europa. È particolarmente adatto ai terreni profondi e freschi. Questo albero a foglie caduche può raggiungere 25 metri di altezza. Produce un frutto che racchiude da 1 a 4 semi e viene raccolto in Autunno.
Le proprietà dei semi e della buccia del castagno d’India sono molto simili. Il castagno d’India è usato per aiutare la funzionalità del microcircolo. Fonte di flavonoidi, contribuisce a ritrovare gambe leggere e a favorire il tono venoso.
Il castagno d’India possiede anche delle proprietà antiossidanti.

Cicoria

La caratteristica principale della cicoria è il sapore amaro delle sue foglie, apprezzato da tante persone. Nell’antica Grecia e nell’antica Roma, Dioscoride, Gallieno e Plinio il Vecchio attribuivano alla cicoria diverse proprietà salutistiche.
La cicoria aiuta la funzione digestiva, ed epatobiliare, favorisce il drenaggio dei liquidi e la funzionalità delle vie urinarie.
Si estrae anche l’inulina dalla radice della cicoria, un glucide molto usato per sostituire i grassi o gli zuccheri nei cibi pronti. Da qualche anno, si usa l’inulina per i suoi effetti prebiotici. La cicoria favorisce l’equilibrio della flora batterica intestinale.

Cistina

La cistina è un costituente della cheratina. Risulta dall’associazione di molecole di cisteina e amminoacidi non essenziali.

Cola

L’albero di Cola è un albero originario dell’Africa Occidentale.
Il seme di cola, chiamato noce di cola, molto ricco di caffeina, è conosciuto per la sua azione tonica, ma è soprattutto usata per il suo effetto stimolante.
La noce di cola possiede un effetto eccitante su il sistema nervoso e muscolare. Per di più, permette di mantenere l’attenzione e di favorire le funzioni cognitive.

Coriandolo

Originario dell’Europa del Sud e dell’Asia Occidentale, questa pianta mediterranea è coltivata ovunque ed è usata da 2000 anni. Si usano anche i suoi semi e le sue foglie.
Il coriandolo favorisce la funzione digestiva. Regolarizza la motilità gastrointestinale e l’eliminazione dei gas. È dotato di azione antiossidante.

Cranberry (Mirtillo Rosso)

Il cranberry è una pianta con foglie persistenti. I suoi fiori rossi porpora sono rimpiazzati in estate da bacche di un rosso acceso. Quasi 98% della produzione mondiale di cranberry proviene dal Nord degli Stati Uniti e del Canada. Si raccolgono sia cranberry selvaggi, sia provenienti da coltivazioni semi artificiali che si sono molto sviluppate negli ultimi anni. Il Cranberry favorisce le funzioni dell’apparato urinario.

Cromo

Nel 1797, Vauquelin, un chimico francese, scopre il cromo. Ma bisogna aspettare quasi due secoli finché la ricerca scientifica si interessi più particolarmente a questo oligoelemento.
Oggi, il cromo è conosciuto come un oligoelemento essenziale che contribuisce a conservare la salute e il benessere del corpo. Si attribuisce al cromo un ruolo importante nella regolazione della concentrazione di glucosio nel sangue. Interviene anche nel metabolismo dei lipidi, delle proteine e carboidrati.

E

Enotera

Originaria dell’America del Nord, l’enotera cresce nelle zone temperate. Si chiama anche “primula della sera” perché i suoi fiori hanno la particolarità di aprirsi la sera.
L’olio di enotera è conosciuto per la sua ricchezza di acidi linoleici e gamma-linoleici. Questi acidi grassi essenziali aiutano a mantenere un senso di benessere ottimale durante le mestruazioni.
Grazie alla sua ricchezza di acidi linoleici, l’olio di enotera contribuisce a mantenere la pelle sana.

Equiseto

Molto comune nei terreni umidi e sabbiosi, questa pianta perenne era già presente nelle nostre foreste durante l’Era Primaria.
L’equiseto deve la sua azione remineralizzante efficace alla sua altissima concentrazione di sali minerali, e in particolare di silicio.
L’equiseto favorisce il trofismo dei capelli e il rafforzamento delle unghie.

Erica

L’erica è un genere della famiglia Ericacee il più comune d’Europa. Diffusa in Europa e in Asia minore su terreni acidi, soleggiati e ben drenati, il brugo, a volte chiamato “falsa erica” è una pianta caratteristica delle lande, delle torbiere e delle pinete.
L’erica e il brugo sono tradizionalmente usate per facilitare l’escrezione urinaria e perciò favorire la diuresi.

Eucalipto

Originario d’Australia, l’eucalipto è oggi molto coltivato nelle regioni mediterranee. Quando vengono sfregate, le sue foglie rilasciano un odore forte e aromatico: prima caldo, poi molto rinfrescante.
Nelle foglie più vecchie di eucalipto si trova una concentrazione più alta di eucaliptolo. Conosciuto per i suoi effetti espettoranti e calmanti, quest’olio essenziale è particolarmente benefico per aiutare a dare sollievo alla gola.

F

Finocchio

Il finocchio cresce spontaneamente nelle regioni calcaree e aride del mediterraneo, oggi si è perfettamente adatto a tutte le zone temperate.
Ricco di oli essenziali (anetolo), il finocchio è un tonico digestivo eccellente. Facilita il lavoro intestinale, riduce le fermentazioni e la formazione di gas intestinali.
Il finocchio è anche usato per dare sollievo alle vie respiratorie superiori.

Frassino

Il frassino è un grande albero con radici molto profonde. Si trova nelle zone temperate d’Europa. Cresce nei terreni freschi, argillosi e profondi.
Il frassino è conosciuto per facilitare le funzioni di eliminazione delle scorie dall’organismo grazie alle sue proprietà drenanti (foglie). Favorisce il benessere delle vie urinarie.
La scorza di frassino è conosciuta per la sua capacità fi favorire la funzione articolare.

G

Garcinia

La Garcinia Cambogia è un albero originario dell’India e dell’Asia del Sud-Est, di cui il frutto giallo, o rosso alla maturità, assomiglia a una piccola zucca.  
La scorza del frutto della Garcinia è particolarmente ricca di acido idrossicitrico (HCA). L’acido idrossicitrico inibisce l’azione di un enzima che interviene nella sintesi degli acidi grassi. Perciò, questa sostanza potrebbe limitare l’accumulo di grassi nell’organismo.

Ginkgo biloba

Originario dell’Estremo Oriente, quest’albero può raggiungere dai 40 ai 50 metri di altezza. È caratterizzato da foglie a forma di ventaglio e dalla sua longevità estrema.
Vero aiuto contro l’invecchiamento provocato dai radicali liberi, il ginkgo deve la sua reputazione alle sue proprietà antiossidanti. Grazie ai suoi componenti, migliora la circolazione sanguigna anche a livello celebrale, e contribuisce a mantenere una buona memoria e un buon livello di concentrazione.

Ginseng

Originario della Cina e della Corea, il ginseng è una pianta vivace coltivata su grande scala in tutto il mondo. Bisogna aspettare dai 6 a 7 anni prima di potere utilizzare le sue preziose radici.
La radice di Ginseng racchiude dei Ginsenosidi che stimolano il sistema nervoso centrale, provocando un azione tonica. Aumenta la resistenza alla fatica e allo stress.
Il ginseng rinforza le capacita di adattamento dell’organismo e protegge dalle aggressioni esterne.

Goji

Il goji è un arbusto che appartiene alla famiglia delle Solenaceae (pomodoro, patata, peperoncino, melanzana, etc.). Originario della Cina, produce delle bacche ovali rosso brillante, e generalmente cresce in pieno sole, in un terreno alcalino e secco.
La bacca di goji è molto ricca di vitamina C, è uno dei frutti che ne contiene di più al mondo. La vitamina C contribuisce a mantenere un metabolismo energetico normale e a ridurre la stanchezza.

Guaranà

Arbusto a crescita rapida, il guaranà è tipico delle foreste tropicali d’America. Produce dei grossi frutti rossi in forma di capsule. Quando sono maturi, si aprono per lasciare intravedere uno o due chicchi di cui l’aspetto ricordano curiosamente un occhio umano.
Il guaranà è la sostanza vegetale più ricca di caffeina attualmente conosciuta. È usato come tonico stimolante. Agisce sulla stanchezza, e dona vitalità oltre e una sensazione di benessere all’organismo.
Il guaranà attiva il metabolismo e favorisce l’equilibrio del peso corporeo.

H

Hamamelis

Originaria del Nord America, questo arboscello fiorisce sotto forma di lunghe strisce di un bel giallo pallido. Attualmente è coltivata in Europa in numerosi giardini ornamentali.
Tradizionalmente usato per mantenere una buona circolazione del sangue, l’Hamamelis è particolarmente consigliata per mantenere le gambe leggere.
Grazie alla sua ricchezza di tannini e astringenti, l’Hamamelis è anche impiegata per uso esterno nei prodotti cosmetici per la sua azione lenitiva.

K

Konjac

Il konjac è una pianta originaria dell’Asia, tradizionalmente coltivata in Cina e in Giappone. I tuberi di konjac vengono raccolti.
Contengono glucomannano, questa sostanza ha la particolarità di assorbire più di cento volte il suo volume in acqua e di formare nello stomaco un gel denso difficilmente assimilabile dall’organismo. Il gel vegetale di konjac contribuisce alla perdita del peso procurando meccanicamente un senso di sazietà immediato, senza fornire calorie supplementari.

L

Lievito di birra

Il nome scientifico del lievito di birra è Saccharomyces cerevisia. Questo minuscolo organismo è anche usato dai panettieri nella preparazione del lievito madre. Il lievito di birra attivo si trova nel mosto di birra, perciò questa bibita non possiede tutte le proprietà del lievito vivo e dev’essere consumata con moderazione. Il lievito di birra è usato fin dall’antichità: i Babilonesi, i Celti e gli Egiziani lo usavano per rendere più bella e ammorbidire la pelle.
Il lievito di birra è anche conosciuto per la sua alta concentrazione di nutrienti: proteine, amminoacidi, vitamine del gruppo B e minerali.

Lievito di riso rosso

Il lievito di riso rosso è un fungo microscopico coltivato sul riso. È comunemente chiamato lievito di riso rosso perché contiene un pigmento rosso molto forte.
Il lievito di riso rosso produce una molecola, la monacolina K, che ha un ruolo nella regolazione della quantità di colesterolo nell’organismo. In aggiunta ad un’alimentazione varia, equilibrata, ricca di fibre e povera di grassi cattivi, aiuta a mantenere livelli normali di colesterolo nel sangue.

Limone

L’albero del limone, originario dell’India, appartiene a la famiglia delle Rutacee, che da molto tempo si è insediata nel bacino del Mediterraneo. Il suo frutto ovale è molto succoso e acido.
Il limone è un frutto particolarmente ricco di acido citrico e di sali minerali. Durante l’assorbimento del succo di limone, rimangono nell’organismo i sali minerali che alcalinizzano il corpo. Perciò, il limone è particolarmente consigliato ogni volta che l’organismo di un individuo si acidifica per colpa di una cattiva alimentazione (abuso di carne per esempio).

Lino

Il lino è una pianta erbacea che può raggiungere dai 0,50 ai 0,80 metri di altezza. Il lino è una delle piante più antiche, probabilmente originario dal Caucaso, di cui numerose varietà e sottospecie si trovano in tutto il mondo per ottenere fibre tessili, olio e semi per uso medicinale.
L’olio di lino è ricco di acido Alfa Linoleico, acidi grassi di tipo Omega 3, che sono quelli che contribuiscono a mantenere livelli normali di colesterolo nel sangue.
Il seme di lino contiene mucillagini che possono migliorare il transito intestinale, il peristaltismo intestinale e regolarizzare la funzione digestiva.

Liquirizia

Originaria delle regioni mediterranee, la liquirizia è una pianta perenne a gambo legnoso, dalle foglie scure e di cui i fiori color crema e malva a forma di pisello fioriscono in estate. Coltivata per le sue radici, può raggiungere fino a 2 metri di altezza.
Contiene dei saponosidi, di cui la glicirrizina, 50 volte più dolce dello zucchero, che possono facilitare la digestione.
La radice di liquirizia è anche usata per il benessere delle vie aeree superiori.

Luppolo

Il luppolo è una pianta vivace rampicante, coltivata in tutti i climi temperati. I fiori femminili e maschili si trovano su piante diverse. I fiori femminili sono ricercati per le loro proprietà.
Il luppolo possiede proprietà calmanti, oltre a un’attività estrogenica dovuta a un insieme di composti: olio essenziale, composti ossigenati e flavonoidici. Aiuta le donne a vivere al meglio i disturbi della menopausa, come le vampate di calore, l’irritabilità, il sudore.
Il luppolo è tradizionalmente usato per facilitare la digestione. Possiede anche delle proprietà antiossidanti.

Luteina

La luteina non è una pianta. Si tratta di un pigmento giallo-arancio della famiglia dei carotenoidi che raduna quasi 800 sostanze, di cui il betacarotene che è il componente principale. La luteina si trova in particolare nell’occhio e si concentra nella macula lutea. Ma non è sintetizzata dall’organismo, è fornita da un alimentazione sana, variata e ricca di frutta e verdura.

M

Maca

La Maca è una pianta orticola, imparentata al radicchio e all’erba di Santa Barbara invernale (cruciferi), che cresce solo su certe pianure alte delle Ande (dai 3500 m a 4500 m di altitudine), in Peru, e in piccola parte in Bolivia.
Questa pianta è uno stimolante di origine naturale che aiuta a tonificare l’organismo e contrasta la stanchezza fisica e mentale. È consigliata in caso di cali di forma o di mancanza di energia negli uomini così come nelle donne.

Maggiorana

Simile al timo come profumo, questa pianta erbacea è coltivata come condimento nei giardini. Può raggiungere fino ai 30 cm in altezza e forma dei piccoli ciuffi di fiori bianchi o rosa.
Tradizionalmente usata per facilitare la digestione, la maggiorana è spesso associata ad altre piante calmanti per aiutare nella lotta contro gli stati di stress che rendono difficoltoso il processo di addormentamento.
La maggiorana è anche conosciuta per le sue proprietà antiossidanti e il suo effetto benefico sulle difese dagki agenti esterni.

Magnesio

Il magnesio è uno dei minerali indispensabili alla vita. Il nostro organismo ne contiene in media 25 grammi principalmente nelle ossa e nei muscoli. Lo stress o l’attività fisica intensa contribuiscono all’eliminazione del magnesio.
Il suo ruolo nel nostro organismo è vario e fondamentale. Il magnesio contribuisce a ridurre la stanchezza e l’affaticamento e contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso. È anche importante nel mantenimento di ossa sane.

Malva

La malva, pianta erbacea molto comune in Europa, cresce spontanea al bordo delle strade e nei prati. Possiede un gambo ramoso che porta foglie divise in profondi lobi e dei grandi fiori color malva, con leggere striature porpora che diventano blu quando vengono seccati.
La malva è ricca in antocianosidi, glucosio, tannini, vitamine A, B, C e mucillagini. Aiuta nel processo di digestione e può essere usata in caso di costipazione.
La malva è tradizionalmente usata per dare sollievo alla gola. Usata esternamente, è consigliata per le sue proprietà emollienti.

Matè

Il matè è un piccolo albero che può raggiungere dai 4 agli 8 metri di altezza il cui il portamento ricorda l’albero di arancio. È un sempreverde le cui foglie misurano circa quindici centimetri in lunghezza. Originario del Paraguay, del Brasile, dell’Argentina e dell’Uruguay, si impianta naturalmente al bordo di fiumi, nelle foreste montagnose situate tra 500 e 700 metri di altitudine.
Il matè può essere utilizzato in un programma di perdita peso, favorisce la diuresi aiutando a drenare l’organismo e stimola il metabolismo dei lipidi.
Il matè è anche uno stimolante fisico e intellettuale (soprattutto perché fonte di caffeina) e aiuta in questo modo a lottare contro la spossatezza che può apparire durante una dieta.

Melissa

Cresce spontaneamente in Europa meridionale, ed è coltivata in Europa centrale. Le sue foglie, caratterizzate da un colore scuro del lato superiore e più pallido in quello inferiore, sviluppano, quando vengono strofinate, un profumo citronato da cui deriva l’altro suo nome “citronella”.
La melissa è un aiuto prezioso e naturale per calmare i disturbi intestinali o gli spasmi digestivi. Facilitando la secrezione biliare rende meno difficoltosi i momenti successivi ai pasti.
La melissa è anche consigliata nella lotta allo stress, grazie alle sue virtù rilassanti e calmanti, contribuisce anche a ritrovare un sonno regolare.

Melograno

La parola melograno deriva dal latino Punica granatum, che significa “frutto dai piccoli grani”. Sotto una buccia molto coriacea, che va dal rosso al beige-arancio, si nasconde una polpa sugosa. Il melograno, frutto dell’albero di melograno, è una grossa bacca composta di chicchi ricoperta di polpa (arilli) dotati di azione antiossidante.

Menta piperita

Originaria del Medio Oriente, questa piccola pianta erbacea è il risultato di una combinazione fra la menta acquatica e la menta verde. Fiorisce in forma di spiga conica di colore violaceo. Le sue foglie verdi contengono un essenza dall’odore forte e dal sapore pepato a cui deve il suo nome latino.
La menta piperita favorisce la funzione digestiva ed epatica, contribuisce all’eliminazione dei gas e al benessere delle prime vie respiratorie.

Metionina

La metionina è un aminoacido essenziale che non viene sintetizzato dall’organismo. A parte la cisteina, della quale è il precursore, è l’unico aminoacido solforato.
La metionina entra nella composizione della cheratina, sostanza base delle unghie e dei capelli.

N

Nocciola

L’olio è ottenuto da una prima spremitura a freddo delle nocciole del mediterraneo. Usato in fitoterapia, è anche eccellente con pesci e crostacei o per condire verdure crude e farinacei.
Molto ricco di acidi grassi monoinsaturi (acido oleico).
Utilizzato esternamente, l’olio di nocciola è usato per riequilibrare le pelli grasse, opacizzare e ammorbidire il corpo.

O

Olio di fegato di merluzzo

L’olio di fegato di merluzzo è usato tradizionalmente da generazioni come integratore nutrizionale per i bambini. Il disgusto dovuto al suo odore e al suo gusto molto pronunciati fa parte dei vecchi ricordi degli anziani. Le vitamine A e D contenute in quest’olio aiutano a mantenere alte le difese naturali. La vitamina D contribuisce anche al normale assorbimento del calcio e del fosforo e aiuta a mantenere le ossa sane. Inoltre, gli acidi grassi di quest’olio (Omega 3 EPA e DHA) contribuiscono alla normale funzione cardiaca.

Omega 3

Gli Omega 3 appartengono alla grande famiglia dei lipidi (grassi) e più particolarmente alla categoria degli acidi grassi polinsaturi (AGPI) a catena lunga. Gli acidi grassi Omega 3 principali sono l’acido alfa-linoleico (ALA), l’acido ecosapentaenoico (EPA)e l’acido docosaesaenoico (DHA).
Gli sono precursori di certe molecole e partecipano al corretto funzionamento del nostro organismo. Il DHA contribuisce alla normale funzione celebrale e l’EPA e il DHA contribuiscono alla normale funzione cardiaca.

Ortica

L’ortica è una pianta perenne interamente ricoperta di peli urticanti che contengono acido formico. Le sue foglie sono vellutate sui due lati e provviste di denti aguzzi sui bordi. Cresce nei terreni ricchi di azoto ed è comune in tutte le zone temperate.
L’ortica contiene numerosi minerali (calcio, cloro, magnesio, fosforo, manganese, potassio, zolfo e in particolare ferro e silice) oltre a vitamine (B2, B5, B9, C, E provitamina A). Queste sostanze le forniscono delle proprietà remineralizzanti. Le foglie di ortica stimolano il drenaggio dell’organismo e contribuiscono a mantenere le articolazioni flessibili.
In uso esterno, le sue foglie sono indicate per pelli grasse.

P

Passiflora

Questa pianta rampicante originaria delle regioni calde dell’America è oggi coltivata nei giardini d’Europa, Nord America e Asia. I suoi frutti dal gusto piacevolmente acidulo sono conosciuti sotto il nome di “frutto della passione”.
La passiflora racchiude degli alcaloidi e dei flavonoidi è dotata di riconosciuti effetti calmanti. Priva di effetti secondari, la passiflora è consigliata alle persone che si sentono stressate e che desiderano un sonno rigenerante.

Piccioli di ciliegia

Albero che cresce spontaneamente, il ciliegio è oggi molto coltivato in Francia. La raccolta dei frutti si svolge in un arco di tempo che si estende dalla fine della primavera all’inizio dell’estate.
Tradizionalmente usati per facilitare le funzioni di eliminazione dei liquidi dell’organismo, i piccioli di ciliegia sono dei veri “eliminatori” di tossine. I piccioli di ciliegia aiutano a drenare i tessuti e facilitare la minzione. I piccioli di ciliegia sono spesso consigliati all’inizio di una dieta per aiutare l’organismo ad attivare le funzioni di eliminazione dei liquidi.

Pungitopo

Il pungitopo è un arbusto con foglie persistenti, originario della macchia mediterranea, che ha colonizzato una grande regione che si estende dalle Açores (al largo della costa portoghese) fino all’Iran. È una specie protetta allo stato selvaggio.
Il pungitopo contribuisce a mantenere una buona circolazione sanguigna. Perciò il suo uso si giustifica per mantenere la leggerezza delle gambe.

R

Rabarbaro

Originario della Cina, il Rabarbaro è una grande pianta erbacea ai piccoli fiori bianchi a macchie rosse, che fioriscono in estate. È coltivato in particolare in Europa e soprattutto nei massicci montuosi francesi.
Il rabarbaro facilita la digestione, aiutare a mantenere il buon funzionamento del fegato, sostenendo la digestione e la purificazione del corpo.
Il rabarbaro è anche usato per rinforzare le difese naturali del corpo.

Radicchio nero

Pianta selvaggia di origine sconosciuta, il radicchio è coltivato dall’epoca faraonica, dove era già molto apprezzato.

Rame

Il rame è un oligoelemento presente nell’organismo, nel fegato, nei capelli, nella pelle e nei tessuti connettivi.
Contribuisce alla pigmentazione normale della pelle e a proteggere le cellule dallo stress ossidativo.

Regina dei prati

Pianta perenne comune, la regina dei prati cresce su tutti i terreni umidi delle zone temperate. Potendo raggiungere fino a 1,50 metri di altezza, è riconoscibile dai suoi fiori in fiocchi e le sue foglie dall’aspetto piumoso sul lato interno.
Le cime fiorite della regina dei prati racchiudono dei flavonoidi (spireoside, eltiotropina), e altri derivati salicilici (acido salicilico). La regina dei prati è dotata di proprietà che contribuiscono a mantenere la mobilità delle articolazioni.
La regina dei prati è molto drenante, perciò facilita la diuresi.

Ribes

Piccolo arbusto comune nell’Europa del Nord e dell’Est, la pianta di ribes fiorisce sotto forma di grappoli rossicci da aprile a maggio. Come i suoi frutti anche le sue foglie hanno un aroma molto piacevole.
Le foglie di ribes sono molto efficaci per favorire la mobilità e il benessere delle articolazioni.

Rodiola

La Rodiola è una pianta perenne a cui piacciono i terreni sabbiosi e secchi delle pendenze rocciose e delle scogliere delle regioni fredde dell’Asia, della Siberia, della Scandinavia e dell’America del Nord.
Questa pianta è conosciuta per mantenere le capacità fisiche e intellettuali durante un periodo di fatica o di stress.

Rosmarino

Questo piccolo arboscello che adora il sole cresce allo stato selvaggio su tutta la circonferenza del Mediterraneo. Facile da fare crescere in tutti i giardini, il rosmarino teme una cosa sola: il grande freddo.
Il rosmarino sostiene la funzione epatica.
Il rosmarino è anche usato in caso di gonfiori o di dolori addominali.

S

Salvia

Originaria del bacino del mediterraneo, la salvia è un arbusto che ama i terreni caldi e ben drenati. Le sue foglie sono lunghe e rilasciano un profumo molto forte.
Ricca di fitoestrogeni (ormoni vegetali femminili), le foglie di salvia aiutano l’organismo ad adattarsi alle cambiamenti ormonali dovuti alla menopausa. Aiutano a controllare la sudorazione eccessiva.
La salvia aiuta a sostenere la digestione. Inoltre contribuisce alla sua azione lenitiva sulle mucose della bocca e delle gola.

Sambuco

Il Sambuco è un arbusto comune nella nostre campagne, produce bacche di un colore viola scuro. I suoi fiori, ricchi di flavonoidi, sono sicuramente la parte più interessante della pianta.
Il sambuco partecipa attivamente alla difesa dell’organismo d’inverno. Il Sambuco è anche spesso usato per favorire il benessere del apparato respiratorio.
Inoltre partecipa al drenaggio dell’organismo, eliminando gli eccessi d’acqua.

Selenio

Il selenio fu scoperto in 1871 dallo svedese Berzelius. Fu chiamato così in onore di Selene, la dea della luna nella mitologia Greca.
Questo oligoelemento essenziale, conosciuto per la sua azione antiossidante, ha un ruolo chiave nella salute dell’organismo. Contribuisce a mantenere capelli e unghie sane e alla normale funzione del sistema immunitario.

Semi di zucca

Ortaggio rampicante dai grandi fiori gialli a forma di imbuto, la zucca è originaria del Messico e del Sud degli Stati Uniti. È stata una delle prime verdure riportate dagli scopritori del Nuovo Mondo.
Il seme di zucca contribuisce al mantenimento di una funzione normale della prostata.
L’olio di seme di zucca è anche consigliato per favorire la funzionalità delle vie urinarie.

Senna

Conosciuta dal Medio Evo, la senna, originaria delle regioni predesertiche della penisola Araba, è attualmente coltivata su larga scala nell’India de Sud, soprattutto nella regione del Madras.
La foglia di Senna aiuta ad ammorbidire le feci facilitandone l’evacuazione. Aiuta ad attivare il transito intestinale in caso di difficoltà temporanee.

Silice

La silice è la forma naturale del diossido di silicio (SiO2). Il silicio è naturalmente presente nel corpo umano, ma questa quantità ha tendenza a diminuire con l’età. Il silicio, oligoelemento importante, è presente in numerosi alimenti: ad esempio, si trova nei cereali integrali e nella buccia di frutta e verdura. Si trova anche nel bambù, nell’ortica, nell’equiseto che favorisce il benessere di capelli e unghie.

Spirulina

Spirulina platensis è un’alga verde-blu microscopica, vecchia più di tre miliardi di anni che cresce autonomamente nei laghi salati e alcalini delle regioni calde del mondo.
La Spirulina è conosciuta nel mondo intero come una delle fonti alimentari tra le più complete. Molto ricca di proteine di alta qualità, e fonte di numerosi minerali e vitamine, la Spirulina fornisce un aiuto prezioso durante i periodi di fatica fisica o intellettuale. 

T

Tamarindo

Il Tamarindo è un albero tropicale originario dell’Africa Orientale, che si è poi diffuso in numerose regioni tropicali. È di cultura molto antica, perché era conosciuta dagli Egiziani nell’antichità. I frutti del Tamarindo sono dei baccelli che contengono dai 4 ai 10 semi ricoperti di polpa intrecciata di fibre.
La polpa di tamarindo è commestibile, di colore bruno, dolce o acido a seconda degli alberi e del livello di maturazione del frutto. Rappresenta 40% del baccello, è ricca di pectina, vitamina B e C, minerali (calcio, ferro, fosforo) e zuccheri semplici. Tra gli acidi organici e i sali che racchiude, l’acido tartarico e il bitartrato di potassio sono i più importanti e responsabili della sua attività sul transito intestinale. Dei composti terpenici danno al tamarindo un leggero odore aromatico. L’estratto secco di tamarindo è usato per stimolare il transito intestinale grazie a un effetto zavorra.  
Il tamarindo è anche conosciuto per facilitare la digestione.

Tarassaco

Piccola pianta erbacea, il tarassaco cresce nei campi e nei terreni incolti dove fiorisce da marzo a ottobre, prima sotto forma di boccioli, poi di fiori e infine di frutti.
Le foglie di tarassaco sono apprezzate per la loro azione drenante e depurativa che permette di ripulire l’organismo, eliminando le tossine accumulate.
Le foglie di tarassaco sono particolarmente indicate per favorire l’eliminazione di acqua nel caso di ritenzione idrica e di sovrappeso.

Taurina

Derivata da un aminoacido solforato, la cisteina, la taurina è naturalmente presente nel corpo dell’uomo e la si trova essenzialmente nei muscoli e nel cervello.

The di Java

Il The di Java è una pianta perenne alta dai 30 ai 60 cm, originaria dell’Asia del Sud Est e in particolare dell’Indonesia. Cresce in luoghi umidi, soprattutto vicino ai corsi d’acqua e al bordo delle paludi.
 Il The di Java è una pianta consigliata per la sua azione drenante sull’organismo. Aiuta a favorire l’eliminazione degli scarti tramite i reni.

The verde

Originario delle regioni montagnose dell’Asia del Sud-Est, la pianta del the cresce in altitudine, nelle regioni equatoriali o tropicali piovose. Produttive a partire dal sesto anno soltanto, le piante del the possono essere coltivate per una cinquantina di anni.
Composto di flavonoidi e di caffeina, il the verde, proveniente dalle foglie più giovani della pianta del the, è tradizionalmente usato negli integratori alimentari per facilitare la perdita di peso. Aiuta a controllare il metabolismo dei grassi. Grazie alla sua azione drenante, favorisce la diuresi.

Tiglio

Il tiglio cresce in maniera spontanea ma viene anche coltivato, quest’albero ad alto fusto cresce sbocciando in piccoli fiori di color giallo pallido molto profumati che si raccolgono in estate. Come il castagno, il Tiglio è dotato di una longevità impressionante perché può vivere per tanti secoli.
I fiori e le brattee di Tiglio contengono una mucillagine e un olio essenziale, di cui gli effetti calmanti sono tradizionalmente usati per ridurre l’irritabilità e aiutare a ritrovare un sonno migliore. Tradizionalmente usato in infusioni, il Tiglio sviluppa un gusto di miele molto apprezzato sia dai grandi che dai piccini.

Timo

Originario del bacino del mediterraneo, il timo è un piccolo albero resistente, selvatico, di colore grigiastro, che cresce sulle collinette aride, rocciose, e soleggiate fino ai 1500 metri di altitudine.
Le foglie sono abitualmente usate nelle preparazioni culinarie, e le punte fiorite sono usate per le loro proprietà benefiche.
Il timo aiuta a liberare le vie respiratorie e a dare sollievo alla gola. Contribuisce anche a mantenere le difese naturali dell’organismo.

U

Ulivo

Originario della Grecia e dell’Asia minore, questo piccolo albero dal tronco tortuoso è oggi molto coltivato in tutta la zona del mediterraneo. Le sue foglie hanno la particolarità di essere verdi sopra e bianche sotto.
Ricche di oleuropeoside, le foglie di ulivo sono tradizionalmente usate per sostenere la circolazione del sanguigna. Inoltre, sono tradizionalmente usate per facilitare le funzioni di eliminazione dei liquidi dall’organismo.

V

Valeriana

Grande pianta erbacea, la valeriana può raggiungere fino ai 2 metri di altezza. Questa pianta che produce piccoli fiori bianco-rosa cresce in particolare nei luoghi umidi: prati, fossati o al bordo di corsi d’acqua.
Usata fin dall’antichità, la radice della valeriana contiene un olio essenziale e dei composti naturalmente rilassanti e calmanti (valepotriati, acido valerianico, oli essenziali). La valeriana è in particolare indicata per tutti coloro che desiderano avere un sonno armonioso e naturale, perché favorisce l’addormentamento e il rilassamento.
La valeriana è anche indicata per calmare gli stati di stress passeggeri.

Verbena

La Verbena è una pianta annuale abbastanza comune che si trova lungo le strade, vicino ai villaggi o fra le rovine e nei prati sabbiosi. La sua coltivazione è facile, si fa a partire da semi in primavera, o usando la tecnica di moltiplicazione per talea in autunno. Si sviluppa in particolare durante le estati calde e umide.
Conosciuta per le sue proprietà digestive. È l’alleata ideale dopo la cena perché favorisce le digestioni leggere.

Vinaccia

La vinaccia è composta dalla parte solida dell’uva una volta schiacciata. Era usata fin dai tempi antichi per le sue proprietà. La buccia e i semi dell’uva contengono numerose proprietà cosmetiche, che hanno reso la vinaccia un prodotto essenziale nelle cure di bellezza.

Vite rossa

Originaria d’Asia, quest’alberello rampicante con viticci è soprattutto coltivato nelle regioni mediterranee. In giugno le sue foglie vengono raccolte.
Ricca di antociani, la vite rossa è conosciuta per la sua capacità di favorire le funzioni del sistema cardiovascolare e del microcircolo. Questa pianta è tradizionalmente usata come tonico venoso e capillare per mantenere le gambe leggere.
Grazie alle sue proprietà antiossidanti, la vite rossa aiuta anche a combattere l’invecchiamento prematuro delle cellule provocato dai radicali liberi.

Z

Zenzero

Pianta perenne, lo zenzero è originario dell’India e della Cina. Oggi è coltivato un po’ dappertutto nel mondo, ma lo zenzero cresce bene soprattutto nelle regioni soleggiate.
Lo zenzero ha un effetto notevole sulla mucosa gastrica. Inoltre, grazie alla sua azione calmante sullo stomaco, riduce il senso di nausea e il vomito. È per questa ragione che viene indicato in caso di mal di viaggio.
Lo zenzero contribuisce alla normale funzionalità articolare.

Zinco

L’organismo contiene zinco in quantità molto piccole. Il suo apporto grazie a un’alimentazione variata ed equilibrata dev’essere quotidiano perché l’organismo non ne ha in riserva.
Contribuisce al mantenimento di una pelle sana, e alla normale funzione del sistema immunitario. Contribuisce inoltre alla protezione delle cellule dallo stress ossidativo, interviene anche nella lotta i radicali liberi e partecipa al mantenimento di una buona vista. Oligoelemento che contribuisce al mantenimento di capelli e unghie sane, alla sintesi delle proteine, alla normale divisione cellulare.

Punti vendita