BENESSERE DELLE VIE URINARIE: I CONSIGLI DELLA DOTT.SSA MAPELLI

Una tematica che interessa maggiormente il mondo femminile, le problematiche alle vie urinarie colpiscono ogni
anno circa il 10% delle donne tra i 15 e 40 anni. Complice il caldo e la maggiore sudorazione, l’estate è il periodo di
maggiore suscettibilità batterica.
Il tratto urinario, specialmente quello femminile, è formato da mucose e fisiologicamente esse presentano una flora batterica benefica che le protegge dalle aggressioni patogene; quando il sistema immunitario abbassa la guardia, ecco che possono manifestarsi problematiche “in rosa”.

Come si può intervenire?
Innanzitutto l’alimentazione e la corretta idratazione giocano un ruolo fondamentale nella prevenzione del tratto urinario; il corretto comportamento alimentare vanta esclusivamente benefici al corretto funzionamento dell’apparato nonché una valida integrazione, a base di piante ed erbe naturali.


Cosa è giusto portare in tavola?
• Cereal i integral i e verdure: grano saraceno, riso, quinoa, miglio, farro, orzo decorticato e amaranto abbinati ad almeno una porzione ad ogni pasto per apportare vitamine, sali minerali e antiossidanti, preferendo sedano, prezzemolo, cetriolo che svolgono una azione diuretica e, l’aglio e la cipolla per le proprietà antimicrobiche e immunostimolanti.
• Carni bianche, uova bio e pesce azzurro, per l’apporto di proteine ad alto valore biologico, grassi polinsaturi
come gli omega 3 fondamentali per il benessere cellulare
• Frutta: preferire i frutti di bosco come mirtilli, more e ribes i quali sono ricchi in vitamina C, pochi zuccheri e hanno la capacità di rinforzare il sistema immunitario. È consigliata anche l’anguria e l’ananas per l’elevato apporto di potassio e l’effetto drenante nonché stimolante la diuresi; in caso di stipsi includere nella dieta i kiwi e frutta cotta come mele e pere sempre biologiche e con la buccia.


Un alleato prezioso per il benessere delle vie urinarie è il MIRTILLO ROSSO (CRANBERRY), un frutto contenente acido malico e citrico, polifenoli, antocianine e antiossidanti.

Cosa è bene evitare?
Caffeina e teina in quanto sostanze nervine, cibi piccanti poiché infiammatori, dolciumi in genere e bibite molto zuccherine, alcolici in quanto stimolano notevolmente le mucose; evitare condimenti e salse, cotture grasse e lunghe, meglio optare per le crudité, il vapore, il grill o il forno.

E’ fondamentale idratarsi , correttamente e costantemente, durante tutto l’arco della giornata
alternando acqua a temperatura ambiente e tisane tiepide. La giusta diuresi avrà un effetto benefico e preventivo,
promuovendo il benessere delle vie urinarie.

Dott.ssa Manuela Mapelli, biologa nutrizionista


VITARMONYL CONSIGLIA:
CRANBERRY: utilizzato regolamermente favorisce la funzione delle vie urinarie
http://www.vitarmonyl.it/index.php/prodotti/items/cranberry.html 

TISANA VIE URINARIE: Cranberry, Ortica, Ibisco e Tarassaco sono utili per la funzionalità delle vie urinarie e favoriscono il drenaggio dei liquidi
http://www.vitarmonyl.it/index.php/prodotti/items/tisana-vie-urinarie.html

 

DOTT.SSA MANUELA MAPELLI, BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Si è laureta in Scienze dell’Alimentazione a Milano nel febbraio 2010 ed ha proseguito con la specializzazione magistrale in Biologia Applicata alle Scienze della Nutrizione, laureandosi a pieni voti presso la facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali dell’Università Statale di Milano nel dicembre 2011. Si è specializzata nei Disturbi del Comportamento Alimentare presso l’unità di Psichiatria dell’Ospedale San Raffaele Turro di Milano, facendo uno studio intitolato: Biologia Fisiologia Modellistica della Nutrizione Umana in soggetti con DCA”, oggetto di tesi.

Ha ottenuto poi l’abilitazione all’esercizio della professione di Biologo con il superamento dell’esame di stato nella sezione A nel 2012.
Nel 2012 ha lavorato presso le unità geriatriche della casa di cura Airoldi e Muzzi di Lecco, lavorando con le persone affette dal morbo di Alzheimer.
Dal 2013 è iniziata la libera professione.
http://www.manuelamapellinutrizionista.it/

Torna indietro

Punti vendita